Crea sito
Liberty space
Icona RSS Icona email
  • PQeditori vi presentano in esclusiva i Dylandogofili

    Pubblicato il 22nd maggio, 2011 pqeditori 1 commento

    Come nasce dylandogofili?

    Dylandogofili nasce nel 2003 da un’idea di Cristian Fasano, collezionista di Dylan Dog alla continua ricerca dell’oggetto mancante. E come cercare quello che manca se non si hanno le idee chiare su tutto ciò che è stato prodotto? Da qui l’idea di mettere online il proprio materiale invitando chiunque a contribuire al sito invitando ad inviare le foto del proprio materiale non contenuto sul sito. In questo modo sono tante le persone che hanno iniziato a collaborare spontaneamente e pian piano il sito ha cominciato a diversificare le proprie attività. Da sito catalogo ha cominciato a dare notizia su tutto il materiale prodotto su autorizzazione relativamente a Dylan Dog: edizioni straniere, riviste, gadgets, incontri…sono diventate oggetto di continue segnalazioni in homepage.

    Che ruolo ha avuto la Sergio Bonelli Editore nello sviluppo del vostro progetto?

    Nei primi anni di vita non abbiamo mai pensato di disturbare la Bonelli anche se sappiamo che hanno guardato al nostro sito con grande curiosità. Pian piano, crescendo il sito e soprattutto con il passaggio ad associazione di promozione sociale abbiamo avuto la possibilità e l’onore di conoscere lo Staff Bonelli e con loro programmare tutta una serie di attività che quest’anno stiamo ponendo in essere.

    Chi è il vostro utente medio?

    Il nostro utente medio è molto poco “medio”. E’un appassionato di Dylan Dog che non si accontenta delle uscite regolari in edicola ma che vuole sapere tutto ma proprio tutto quanto inerente al personaggio.

    In cosa consiste la vostra attività principale?

    Come accennato, sono tante le attività che portiamo avanti. Come sito, cataloghiamo e diamo notizia su tutte le novità relative al personaggio organizzando molto spesso acquisti collettivi al fine di ottenere un prezzo minore. Come associazione di promozione sociale, invece, il nostro obiettivo è la realizzazione di incontri ed eventi che permettano a tutti appassionati di conoscersi e scambiare le proprie opinioni su Dylan e non. Il primo incontro è stato realizzato in occasione del Roma Comics & Games dove Maurizio Di Vincenzo e Marco Soldi hanno incontrato al nostro stand gli appassionati dell’Indagatore dell’incubo. Abbiamo inoltre, grazie alla nostra collaborazione con la Moviemax, potuto vedere gratuitamente il film di Dylan Dog in un cinema milanese, invitando circa 150 persone. Stiamo organizzando, oltre alla partecipazione alle principali fiere nazionali, un grande evento in occasione della prossima uscita del n.300. Vi consiglio di rimanere sintonizzati!!!

    Chiarite ai nostri lettori che cosa è la fanzine?

    La fanzine, altro elemento fondamentale della nostra attività associativa, è una rivista di appassionati che si rivolge agli appassionati. Ovviamente filo conduttore degli articoli, delle storie parodiche o di quanto pubblichiamo è Dylan Dog. Abbiamo iniziato con una numero 0 in tiratura di sole 100 copie e visto il successo abbiamo deciso di andare avanti aumentando la tiratura. La n.1 è stata stampata in più di 400 copie. La Bonelli Editore sta pian piano apprezzando sempre più il nostro lavoro e siamo arrivati già alla seconda citazione in un editoriale del Dylan Dog prima ristampa. Il prossimo numero della fanzine, per i soli associati, uscirà a fine giugno ed avrà la copertina realizzata dal bravissimo Maurizio Di Vincenzo. Nostro obiettivo è avere un autore per numero e stiamo già lavorando alla prossima uscita di dicembre.

    Avete altre iniziative degne di nota in cantiere su altri personaggi del fumetto italiano?

    Come capirai dal nome del sito www.dylandogofili.com e dal nome dell’associazione “Dylandogofili – collezionisti Dylan Dog dal 2003″pur essendo lettori onnivori di fumetti italiani e non dedichiamo tutti i nostri sforzi al solo Indagatore dell’incubo. Come dire? Se vuoi che una cosa sia fatta bene ti ci devi dedicare e concentrare!

    In conclusione come pensate di difendere il fumetto nostrano dell’onda manga?

    Nel nostro piccolo promuoviamo Dylan Dog ma non crediamo sia necessario difendere il fumetto italiano dall’invasione manga. Il target e l’età dei lettori è completamente diverso!!!!

    Intervista a cura di Garofalo Ivano

    L’articola è stato realizzato quando vi era alienatoeditore.altervista.org

    Share and Enjoy:
    • Print
    • Digg
    • Sphinn
    • del.icio.us
    • Facebook
    • Mixx
    • Google Bookmarks
    • Blogplay
    • Twitter
    • Yahoo! Bookmarks
     

    1 responses to “PQeditori vi presentano in esclusiva i Dylandogofili” Icona RSS

    • Ex dylandogofilo

      Cito dalla vosra costituzione

      ART. 2. ATTIVITA’ DELL’ASSOCIAZIONE.
      L’Associazione svolge attività di promozione sociale nell’ambito fumettistico con attenzione prevalente al personaggio di Dylan Dog, senza finalità di lucro.

      BRAVIII, BRAVIIII fatelo capire bene, senza scopo di lucro !!!!
      I miei complimenti.
      ma … leggendo gli altri articoli qualcosa non funziona
      Secondo me siete un associazione nata solo per fare soldi.
      Leggetevi lo statuto, che se ve lo vede la finanza ride, dato che vi è palesemente scopo di lucro, scritto e dichiarato.
      Art. 3
      3) l’organizzazione di raduni ed altri eventi, anche col sostegno di fondi pubblici, quali mostre, incontri con i disegnatori e qualsiasi altro evento che abbia a che fare con il personaggio di Dylan Dog, con la possibilità di creare, per l’occasione, materiale da distribuirsi, a pagamento e non, a tutti i partecipanti;

      7) la partecipazione ad eventi fieristici e mostre mercato in cui potersi incontrare con gli associati, distribuire i prodotti dell’associazione e la vendita di materiale di esclusiva proprietà degli associati.

      a pagamento? la vendita di materiale i cui proprietari sono i soci? ma sapete che non potete vendere? Non avete partita iva e così evadete le tasse o forse finiscono nelle vostre tasche? Se poi vendete materiale che è dei soci allora si scomodano anche i carabinieri a ridere ed a venirvi a trovare.

      ART. 7. SERVIZI AI SOCI.
      I soci hanno diritto di usufruire dei servizi dell’Associazione e di partecipare a tutte le manifestazioni indette dall’Associazione stessa. Eventuali prodotti realizzati o eventi organizzati potranno richiedere il versamento di un’ulteriore contributo una tantum.

      Ulteriore contributo? Ok se volete fare le cose sporche almeno non ditelo o meglio non pubblicatelo.

      ART. 8. DOVERI DEI SOCI.
      I soci sono tenuti:
      1) al pagamento della tessera sociale;
      2) all’osservanza dello statuto, degli eventuali regolamenti interni e delle deliberazioni prese dagli organi sociali, comprese eventuali integrazioni della cassa sociale attraverso versamento di quote straordinarie.

      Quote straordinarie? ma siamo sicuri che siete un associazione senza scopo di lucro? infrangete tutte le leggi esistenti. Vi ha mai detto nessuno che non potete vendere o richiedere denaro se non per fare un iscrizione a socio?
      Ma chi è il tesoriere uno della Banda Bassotti?

      ART. 20. COMPOSIZIONE E DURATA DEL CONSIGLIO DIRETTIVO.
      Il Consiglio Direttivo è composto da un minimo di cinque consiglieri (quattro più il Presidente) eletti tra i soci che si candidano durante l’assemblea e restano in carica tre anni.

      Per la trasparenza, chi è presidente e i consiglieri? o è un segreto che Dylan dovrà scoprire?
      Che vergogna !!!


Creare blog